Presentazione

…«il bene tende sempre a comunicarsi; comunicandolo, il bene attecchisce e si sviluppa» (Evangelii gaudium, 9). Il messaggio comunicativo della Chiesa è un bene che non può non essere condiviso, partecipato, comunicato. Ecco, allora, il “perchè” di questo spazio digitale: sarà uno scenario che, nel suo piccolo, svilupperà nella rete alcuni contenuti buoni per la pastorale digitale

don Alessandro Palermo, sacerdote della Diocesi di Mazara del Vallo

CEI_ComSociali_LowRes

L’immagine di presentazione è un ritaglio del manifesto che l’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali ha ideato in occasione della 50° Giornata mondiale delle comunicazioni dal titolo: “Comunicazione e misericordia”.

Riporto la descrizione esplicativa dell’immagine. «Innanzitutto non vuole trasmettere l’idea che la vita cristiana sia una “scalata” al monte di Dio. È vero, si vedono due persone intente ad arrampicarsi: ma la Misericordia che ci è chiesto di comunicare è quella del Dio del Monte che è sceso tra di noi. Nessuna ambiguità possibile: la fede nel Vangelo non è stoicismo, né sterile conquista di meriti, ma accoglienza di un dono e apertura alla gratuità, cercata insieme.
In secondo luogo, non intende stabilire alcuna gerarchia tra i sessi. Nell’immagine si vede un uomo tendere la mano ad una donna, per salire insieme, ma è l’insieme che conta, nella ricchezza della varietà: non chi sta più in basso o più in alto. Per comprenderlo meglio basta pensare alla radice ebraica della parola misericordia: “rahamim”, ovvero viscere materne (“rehem” è l’utero). Dio è padre e madre insieme, ed è solo nella complementarietà del maschile e del femminile che se ne può offrire l’immagine (“a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò” Gen 1, 27). È solo la ricchezza dell’incontro tra i diversi a generare “fecondità”: mai come in questo tempo è opportuno ricordarlo.
In terzo luogo, le due silhouettes bianche non sono un richiamo all’anonimato, anzi. L’invito è proprio quello di dare un volto (il proprio) alle persone raffigurate, perché non può esserci comunicazione se non c’è un incontro di volti. Anche nell’ambiente digitale, evocato dallo sfondo del manifesto.
E questa è la quarta, ed ultima, contro-indicazione: l’ambiente digitale non è affatto virtuale, ma reale come qualunque altro ambiente in cui prendano forma le relazioni tra le persone. Anche la misericordia, ovvero il cuore del messaggio evangelico, potrà essere efficacemente comunicata solo in un contesto di vita vissuta da protagonisti, responsabilmente, non per interposta persona o sotto mentite spoglie. Il cristiano, anche quando è online, non si nasconde dietro un “nickname”.

a cura dell’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali

Annunci

2 pensieri su “Presentazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...